Cerca
..:: Romanzi » I noir storici ::..   Login
I noir storici

Credo che uno dei compiti “civili” dello scrittore sia quello del recupero della memoria ed è a questo recupero che mi sono dedicato con i primi tre romanzi. Ho scelto il noir storico per riscoprire vicende che il tempo aveva cancellato, ma che consentivano ancora ampi sguardi sull’attualità. 
Con L'anno che uccisero Rosetta ho cercato di ricostruire l'universo quasi mitologico di un villaggio di montagna nel periodo che va dagli anni '40 agli anni '60. Il nome del paese non è scpecificato, ma è il paese della mia infanzia, una specie di Macondo dove, tra antiche paure e strane leggende, anche l'esistenza quotidiana delle persone ordinarie, diventa surreale.

La canzone di Colombano è invece un inno al lavoro e ai valori della mia terra, del Piemonte, valori di operosità, ma anche di tolleranza, di rispetto per le diversità e di accoglienza per chi giunge da lontano. Il tunnel scavato da Colombano Romean (uno straniero che giunge in valle di Susa dalla Provenza) è ancora lì a testimoniare questi valori.